Passa ai contenuti principali

Post

Gli effetti del Quantitative Easing

Il tanto atteso QE, quantitative easing, all'europea è arrivato. Da marzo 2015 fino a marzo 2017, o fino a quando l'inflazione non tornerà al 2%, la Bce acquisterà ogni mese titoli obbligazionari per 60 miliardi. Questa è la durata del quantitative easing della Bce. La bassa crescita ha fato scivolare molti paesi dell'Area Euro in deflazione, che si registrano con il calo dei prezzi spingendo in negativo l'inflazione. L'acquisto dei titoli di Stato riguarderà obbligazioni di durata che vanno da due anni a venti anni dei paesi in difficoltà. Che garantiranno con le loro banche centrali L'80% dell'importo utilizzato per gli acquisti, l'altro 20% sarà garantito dalla Bce. Questo per scaricare i rischi sui singoli paesi e non sulla Bce. Si spera che parte di questo denaro finisca nell'economia reale per farci uscire dalla recessione. Anche se non è scontato
Effeto del Quantitative Easing sui Titoli di stato Il primo effetto del Qe sarà una ulterio…

Scontrino fiscale digitale

Eliminazione dello scontrino fiscale, aumento dei pagamenti elettronici. Ma dove vai se la banda larga non ce l'hai?

Si fa un gran parlare di eliminare lo scontrino fiscale, di introdurre altre misure più efficaci per il contrasto dell'evasione fiscale, e per aumentare i pagamenti elettronici che sono tracciabili. Costringente gli esercenti a installare il Pos.
Ma si dimentica che manca la cosa più importante perchè queste misure, ritenute ormai indispensabili possano funzionare ,la banda larga.
Con l'agenda digitale che dovrebbe colmare il divario tra il nostro paese e quelli europei che procede molto lentamente.

E' noto che all'estero si usa molto di più la moneta elettronica che il denaro contante. Ritenuta più sicura e più conveniente del contante.
All'estero i pagamenti mobile stanno avendo una forte crescita, da qualche anno si è capito che il futuro dei pagamenti elettronici sarà in mobilità grazie allo smartphone.
Per adesso solo l'1% dei pagamenti …

Ma Google non riconosce i falsi...

Google è alla continua ricerca di algoritmi che possano migliorare i risultati di ricerca. Sia per migliorare l'esperienza dell'utente per mostrargli risultati pertinenti e di qualità. Ma anche per guadagnare sempre di più. I sui ricavi sono messi a rischio dalla continua avanzata di Facebook, che sta diventando  una grossa minaccia per gli introiti pubblicitari di Google. Cosi rivede continuamente i sui algoritmi aggiornandoli con sempre più frequenza. E modificando i risultati di ricerca. Da poco ha rilasciato una nuova versione di Panda e del Pinguino. Che secondo Google dovrebbe eliminare lo spam e premiare i siti di qualità.
 Purtroppo per noi l'algoritmo non riconosce i falsi. E mi spiego meglio .

Quando si fa una ricerca  può capitare di trovare in cima alla lista dei risultati dei siti ben fatti,con una bella grafica, dove non c'è nulla fuori posto. Ben curati con articoli lunghi, senza orrori ortografici, grammaticalmente corretti. Ma nonostante questo mostri…

Quando tutti usano Facebook è arrivato il momento di abbandonarlo

Ormai tutti usano Facebook, la nonna con le sue ricette, il macellaio sotto casa, il fruttivendolo che sta al fondo della strada, il bar all'angolo, la tipa della merceria, il tipo della bancarella del mercato che vende alimentari . Anche le vendite porta a porta si sono trasferite su Facebook. Orrendi gli occhiali da sole sponsorizzati su migliaia di profili Facebook, nella speranza che qualcuno li acquisti. 
Peccato che ancora non hanno imparato ad utilizzarlo. Si perchè chi ha un attività potrebbe farsi la sua paginetta. E invece no! Apre un profilo Facebook e si va a caccia di amici . Chiedendo l'amicizia a migliaia di persone che anche se accettano la richiesta di amicizia non gli importa nulla della tua attività. Non trasformerai mai le tue false amicizie di Facebook in clienti.
E un vecchio detto, che andava di moda nell'autunno del 1929 dice: “Quando tutti usano Facebook è arrivato il momento di abbandonarlo”. Se va avanti così in molti si stuferanno di utilizzar…

Onorevole usa meno i social network, usa di più il cervello, messo male

Che dire di questi onorevoli che anche quando usano i social sono poco onorevoli. Secondo me i politici prima di aprire un profilo su Facebook o Twitter dovrebbero fare un corso su come si usano. Specie se ricoprono cariche più importanti di un semplice onorevole. Se invece hanno qualcuno che gestisce i loro account, allora scelgano meglio le persone che gestiscono gli account.

Provocazione, ma forse no. Grillo l'euro è spacciato, non serve il referendum

Sapete che vi dico, Grillo può farne anche a meno di perdere tempo a sguinzagliare i suoi per raccogliere milioni di firme per fare un referendum, per sapere cosa vogliono fare gli italiani se rimanere nell'euro o uscire. Primo perchè anche se gli italiani votassero a favore dell'abbandono della moneta unica, non possiamo uscire dall'Area Euro. Vedi Grecia, Portogallo, Irlanda e Cipro tenute all'intero dell'Area Euro con i denti per evitare precedenti. In questo gioco al massacro si può entrare e non uscire. Non è prevista nessuna regola per uscire, 
Secondo, se continua così e anche l'economia tedesca rallenta al punto da farli finire in recessione,saranno i tedeschi a mettere fine al progetto fallimentare dell'euro. Cercando una soluzione per tornare al vecchio marco. Appena il gioco inizia a non essere più divertente nemmeno per loro ne vedremo delle belle. Altro che austerity e rigore. Sarà la fine dell'Europa gemano-centrica. Anche Frau Merkel ini…

La Parodia di Berlusconi

Da quando al governo c'è lui, l'uomo ormai definito la parodia di Berlusconi, cosa è cambiato? Nulla. Però bisogna dare a Matteo Renzi il merito di aver pigiato il piede sull'acceleratore,praticamente a tutto gas. Peccato che nel serbatoio non ci sia il carburante per metterla in moto questa italietta. E non ci sono nemmeno i soldi per fare rifornimento. Se non manovre senza denaro, andare avanti e indietro a spinta. Insomma quelle riforme che non costano nulla. O finti tagli di tasse per poi alzarne di altre.
Ma gli italiani non lo sanno perchè ancora una volta, come è successo con Berlusconi, si sono fatti abbindolare da lui e dal suo cerchio magico. Volti di giovani fanciulle definite da qualcuno cameriere di Matteo . E credono che Renzi, che fino all'altro giorno girava la ruota della fortuna, riesca nel miracolo. Vedremo...

Banca Etruria cosa è successo

Caso Banca Etruria cosa è successo?Banca Etruria versa in acque tempestose ed è giusto chiedersi quali siano i rischi non solo per i dipendenti, ma anche di chi ha depositato i risparmi presso la banca di Arezzo. A causa della non facile situazione in cui versa Etruria la Banca d'Italia le ha imposto di aggregarsi con uno istituto di credito, in modo da sistemare la difficile situazione dei crediti deteriorati che secondo i quotidiani finanziari dovrebbero superare, abbondantemente, il miliardo di euro. La bassa redditività della banca toscana, compreso i crediti deteriorati e la crisi in cui versa il territorio di Arezzo rischiano di creare seri problemi a Etruria. Aggregazione che sembrava essere arrivata in porto dopo l'interessamento della Popolare di Vicenza. Trattative saltate in questi giorni a causa delle condizioni richieste dalla Popolare di Vicenza per acquisirne il controllo non accettate dal Cda di Etruria. Adesso Etruria è alla ricerca di un altro cavaliere bian…

Brasile, al mondiale finalmente si rivede l'Italia

Dopo la partita di esordio vinta con l'Inghilterra, che sta peggio di noi, ceravamo illusi che l'Italia potesse fare un mondiale se non da protagonista migliore di quello che si pensava. Invece si torna con i piedi per terra. Una Italia brutta, irriconoscibile, a tratti presuntuosa, perde 1-0 con la fortissima squadra del Costa Rica, che nella partita d'esordio ha strapazzato l'Uruguay per 3-1, e si qualifica agli ottavi con una partita d'anticipo. L'unica con punteggio pieno nel girone dove erano presenti tre squadre che hanno cinto il mondiale, Italia, Inghilterra e Uruguay.

Questo risultato non solo costringe l'Italia ha giocarsi la qualificazione con l'Uruguay, anche se ha a disposizione due risultati su tre, pareggio e vittoria, ma manda a casa l'Inghilterra che ha perso tutte e due le partite giocate. E dopo la Spagna che ha abdicato in segni di solidarietà con il suo anziano monarca, il mondiale perde un'altra protagonista.

Renzi e Berlusconi accordo per nuovo Senato

Sembra che Berlusconi e Renzi abbiano trovato l'accordo sulla riforma del Senato. Dopo mesi di trattative finalmente il bicamerlismo (im)perfetto, che tanti problemi ha causato rallentando il lavoro del Parlamento, sembra arrivato alla fine. Una volta approvata la riforma il nuovo Senato non potrà togliere la fiducia al governo, quindi stop alla compravendita di Senatori. Sarà composto da sindaci e presidenti di regioni, e i Senatori non percepiranno lo stipendio. Ma tranquilli potranno continuare a intascare le mazzette.

Siate responsabili costituitevi...

Forte del 40,8% ottenuto alle europee  e con lo scandalo tangenti che sta colpendo anche il suo partito, dall'Assemblea Nazionale del Pd dove è stato votato a larga maggioranza Orfini come presidente del Pd, Matteo Renzi dal  palco lancia un messaggio chiaro e preciso ai suoi:
"Se c'è qualcuno tra di noi che ha notizie di reato, salga i gradini di un Palazzo di Giustizia e vada a raccontarlo ai magistrati".
Si prevedono lunghe code presso i tribunali  nei prossimi giorni che aggraveranno la già difficile situazione. Per risolvere l'emergenza, fanno sapere i magistrati, si allungheranno gli orari di lavoro.


Il piddi non è un taxi

Sulla vicenda Mineo sostituito in commissione perchè contrario alla linea Renzi sulla riforma elettorale, il segretario del suo partito e Presidente del Consiglio  fa sapere che il Pd non è un Taxi che uno prende per farsi eleggere. Infatti è qualcosa di più avanzato è Uber, auto di lusso a noleggio con tanto di autista in giacca e cravatta.
Sempre sulla vicenda Renzi ha anche detto che non lascia il paese a Mineo, lo ha già promesso a Berlusconi e Alfano.

Nel mondo c'è fame d'Italia, ma in Italia si sono magnati tutto

Mentre Renzi è partito per un viaggio in Asia per rafforzare i rapporti politici ed economici, in Italia sono successe un po' di cose da non sottovalutare. Il governo è stato battuto alla Camera su un emendamento della Lega che vuole la responsabilità civile per i magistrati, grazie ai voti di 34 dissidenti del Pd che votano a favore. Se passa anche al Senato l'Italia è il primo paese europeo ad adottare una cosa simile.Siamo troppo avanti noi in Italia 
Il senatore ed ex direttore di Rai News 24 Corradino Mineo contrario alla linea imposta da Renzi su Italicum, riforma elettorale, il Pd ha deciso di sostituirlo in Commissione Affari Costituzionali con il senatore Zanda. E insegno di solidarietà altri 14 Senatori del Pd si sono autosospesi.
 Mentre continua l'inchiesta sul Mose, e si attendono i poteri speciali per i  commissario anti-corruzione per Expo 2015,i  vertici della GdF sono stati presi con le mani nella marmellata e c'è il rischi oche lo scandalo si allargh…

Italia scandalosa

L'estate del 2014 rischia di essere ricordata non per quella dei mondiali in Brasile ma come l'estate delle mazzette. Non solo tangentopoli non è mai finita, anzi oggi è ancora peggio, perchè non sono coinvolti solo politici e imprenditori ma anche chi doveva controllare. Controllori e controllati che banchettano allo stesso tavolo.
Dopo Expo 2015 con le sue mazzette e le sue opere incomplete che rischiano di non essere finite in tempo per la partenza dell'expo rischiando di farci fare una brutta figuraccia. Dopo le mazzate del Mose che hanno portato mazzette alte a Venezia con la caduta del sindaco di Venezia, ecco che non fai in tempo a leggere la lista dei personaggi eccellenti appena entrati nel fantamazzette che esplode un altro caso. Questa volta pare e dico pare che sia coinvolto un alto ufficiale della Guardia di Finanza che prendeva mazzette per chiudere un occhio, e forse anche due, sui controlli fiscali .

Mazzette alte a Venezia

Dopo gli arresti arrivano le dimissioni da parte dei politici coinvolti nella tragica vicenda del Mose. Un'opera con progetto iniziato nei fantastici anni ottanta e ancora in costruzione, che forse un giorno dovrebbe risolvere i problemi di acqua alta a Venezia. Ma che per adesso, si dice ricordiamolo, ha aumentato il livello di denaro nei conti correnti di chi ha potuto sfruttare la situazione. Il sindaco di Venezia Orsoni finito ai domiciliari è stato sospeso dalle Prefettura, mentre si è dimesso l'assessore regionale Chisso, anche lui coinvolto nella vicenda. Le sue dimissioni fa sapere l'assessore sono irrevocabili. Non provate a respingerle perchè tanto lui ormai ha deciso si dimette. Manca ancora qualcuno all'appello che per adesso ha scampato il soggiorno nelle patrie galere perchè è Senatore della Repubblica Italiana.

Chi fa la prima mossa il corruttore o il corrotto?

Mah, che dire sulle larghe intesa non ci sono parole, funzionano eccome se funzionano. Quando devono spartirsi il malloppo sanno come mettersi d'accordo. Non siamo tornati indietro di venti anni e che tangentopoli non è mai finita, e mai finirà. In Italia è questo il mondo di fare politica, ci sono troppo persone che ci mangiano, e di gestire gli appalti pubblici. Opere faraoniche con costi che lievitano di anno in anno, che  probabilmente serviranno a poco se non ha distruggere l'ambiente . E' un sistema corruttivo che agli italiani costa troppo.


Nella vicenda del Mose mettendo da parte i politici che evidentemente si fanno corrompere per natura, e chi ha corrotto che ormai lo fa di professione, la cosa grave e che sono finiti al gabbio, in manette, funzionari ed ex funzionari dello Stato che dovrebbero controllare ed evitare che queste cose accadano. Invece anche loro si siedono al tavolo e mangiano.

Juan Carlos di Borbone ha deciso di abdicare

E' stata una decisione difficile la sua ma per il bene della monarchia Il re di Spagna Juan Carlos di Borbone ha deciso di abdicare. Anche gli spagnoli iniziano a chiedersi a cosa serve la manorchia... E' destinato a succedergli al trono alla tenera età di 46 anni il figlio ed erede al trono Felipe Juan Pablo Alfonso de Todos los Santos di Borbone e Grecia.

Klarna cosa fa

Klarna la società svedese che potrebbe rivoluzionare il commercio elettronico Klarna è una società svedese nata nel 2005 che si occupa di pagamenti online. Permette ai consumatori di effettuare acquisti online utilizzando solo l'indirizzo e-mail. Ma per acquistare non si deve pagare in anticipo con la carta di credito.
Il pagamento della fattura avviene solo dopo aver ricevuto la merce. Sono numerose le società che si appoggiano a Karma per i pagamenti, e solo milioni gli acquirenti del nord europa che hanno usato questo metodo di pagamento. Ad agosto 2014 Klarna gestiva un controvalore di un miliardo di dollari.
 E' il sogno di molti acquistare su internet senza inserire dati della carta di credito e di pagare solo al ricevimento della merce. Secondo il New York Times questo metodo di pagamento elettronico diffuso in 14 paesi europei, potrebbe diventare presto globale.
 E' usato nei paesi del nord Europa dove si dice che ci sia un maggiore senso civico. Viene da chieders…

Perchè non guadagnerai mai con il tuo sito

Il sogno di molti è guadagnare con il proprio sito, ma purtroppo devono scontrarsi con la dura realtà. Vediamo perchè...

Difficile per un piccolo sito guadagnare soldi con Adsense, il circuito di Google che permette agli editori di generare profitti esponendo i banner pubblicitari nel loro sito. Ma non è detto che sia impossibile. Quando scrivo guadagni mi riferisco alla somma che permette di vivere, pagare le tasse e i contribuiti Inps, quindi circa tremila euro lordi al mese. 

Puoi scrivere bene quanto vuoi, puoi creare contenuti di alta qualità, ma purtroppo è il meccanismo studiato da Google che non permette di guadagnare. Tutta quella serie di algoritmi che servono per calcolare quanto deve essere pagato a click l'editore che espone i banner del circuito Adsense, quando, appunto, qualcuno clicca sull'annuncio pubblicitario. Sistema che naturalmente Google non può svelare.

Un meccanismo che negli anni ha permesso a Google di incrementare le sue entrate, ma di far cala…

Ecco come fare per avere tanti mi piace su Facebook

Come si possono ottenere migliaia di mi piace su Facebook nel giro di poche ore? Ottenere tanti mi piace alla propria pagina Facebook è il sogno di tutti. E non è così difficile come sembra.
Avere migliaia di mi piace su Facebook nel giro di poche ore non è difficile, non servono nemmeno trucchi da mettere a rischio il proprio account. E' un metodo che usano personaggi famosi, i politici e grossi marchi quando aprono una pagina su Facebook, ed è brutto iniziare partendo da zero. Anche psicologicamente vedere una pagina con zero mi piace, o nessun condividi, è diverso da vedere una pagina con migliaia mi piace, meglio ancora se ci sono migliaia di condividi, e questo che fa la differenza. Perchè se una cosa piace  ma non viene condivisa non serve a niente.

Su una pagina con 0 mi piace nessuno sarà il primo a cliccare sul tasto like. Su una pagina con migliaia di mi piace in molti cliccheranno sul tasto like. Se lo fa uno lo fanno tutti. Su internet come nella vita la gente si muove …