Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Febbraio, 2014

Perchè non guadagnerai mai con il tuo sito

Il sogno di molti è guadagnare con il proprio sito, ma purtroppo devono scontrarsi con la dura realtà. Vediamo perchè...

Difficile per un piccolo sito guadagnare soldi con Adsense, il circuito di Google che permette agli editori di generare profitti esponendo i banner pubblicitari nel loro sito. Ma non è detto che sia impossibile. Quando scrivo guadagni mi riferisco alla somma che permette di vivere, pagare le tasse e i contribuiti Inps, quindi circa tremila euro lordi al mese. 

Puoi scrivere bene quanto vuoi, puoi creare contenuti di alta qualità, ma purtroppo è il meccanismo studiato da Google che non permette di guadagnare. Tutta quella serie di algoritmi che servono per calcolare quanto deve essere pagato a click l'editore che espone i banner del circuito Adsense, quando, appunto, qualcuno clicca sull'annuncio pubblicitario. Sistema che naturalmente Google non può svelare.

Un meccanismo che negli anni ha permesso a Google di incrementare le sue entrate, ma di far cala…

Ecco come fare per avere tanti mi piace su Facebook

Come si possono ottenere migliaia di mi piace su Facebook nel giro di poche ore? Ottenere tanti mi piace alla propria pagina Facebook è il sogno di tutti. E non è così difficile come sembra.
Avere migliaia di mi piace su Facebook nel giro di poche ore non è difficile, non servono nemmeno trucchi da mettere a rischio il proprio account. E' un metodo che usano personaggi famosi, i politici e grossi marchi quando aprono una pagina su Facebook, ed è brutto iniziare partendo da zero. Anche psicologicamente vedere una pagina con zero mi piace, o nessun condividi, è diverso da vedere una pagina con migliaia mi piace, meglio ancora se ci sono migliaia di condividi, e questo che fa la differenza. Perchè se una cosa piace  ma non viene condivisa non serve a niente.

Su una pagina con 0 mi piace nessuno sarà il primo a cliccare sul tasto like. Su una pagina con migliaia di mi piace in molti cliccheranno sul tasto like. Se lo fa uno lo fanno tutti. Su internet come nella vita la gente si muove …

Facebook compra WhatsApp, cosa?

Davanti a 19miliardi di dollari ci sono circa 19miliaridi di buon i motivi per non rifiutare l'offerta.Se poi di questi quattro sono in contanti allora è un buon motivo per cedere alle lusinghe di Facebook.
Ma non è tutto, se l'accordo non andasse importo per il disturbo i due fondatori di WhatsApp, incasserebbero circa due miliardi di euro. Questo è un altro buon motivo per non rifiutare l'offerta.
Rimangano scontenti i 400milioni di utenti che utilizzano l'applicazione di messaggistica istantanea
ma se ne faranno una ragione.
 Per adesso l'affare lo hanno fatto i creatori di WhatsApp,un giorno forse Google che riuscirà a usare il patrimonio di profili personali presenti di WhatsApp.

E' nato il governo dei diversamente capaci

E' nato  il governo Renzi, o il terzo  governo Napolitano, o il Letta bis. Chiamatelo come volete. Ma quello che è certo è che un governo con ministri diversamente anziani, ma anche diversamente esperti. Ed è questo che preoccupa. Si spera che non facciano la fine del governo Monti e poi del governo Letta con ministri, segretari, sottosegretari, portaborse, improvvisati, che invece di risolvere i problemi del paese li hanno amplificati.

Matteo partito con il piede sull'acceleratore deve rallentare per evitare di finire fuori strada. Questo si schianta

Partito con il piede sull'acceleratore deve rallentare perevitare di fine fuori strada le cose non stanno andando come sperato, sta incontrando qualche difficoltà. La sua guida spericolata gli sta facendo prendere troppi rischi.

 Gli serve più tempo del previsto, spera di chiudere tutto nel giro di pochi giorni, ma più passano le ore più la strada diventa in salita, il governo si farà su questo non si rischia, ma dovrà rinunciare a molto.

 Questo sta succedendo a Matteo Renzi che dopo la crisi lampo, nel giro di poco ha silurato Letta per prendere il so posto, appoggiato dai poteri forti, adesso deve rallentare. Primo perchè i suoi colleghi di maggioranza non intendono genuflettersi davanti all'ex sindaco di Firenze, e forse anche parte del suo partito E poi perchè non riesce a trovare un ministro dell'economia all'altezza, che dovrà prendersi delle grosse responsabilità nel gestire le finanza di un paese sull'orlo di una crisi di bervi.

Che probabilmente dovrà co…

Moderare o no i commenti su Facebook?

E' giusto o non è giusto filtrare i commenti? Cioè moderare ed eliminare quelli volgari, con insulti o con minacce?
La rete deve essere un posto libero dove ogni individuo deve essere libero di esprimere il proprio pensiero. Ma questo non significa che si deve riversare tonnellate di commenti con insulti e minacce a quello che si ritiene l'avversario del momento.

Ad esempio in questi ultimi giorni ha fatto un gran parlare il post sulla Boldrini, solo perchè è la terza carica dello Stato. Ma è solo uno dei tanti esempi, basta vedere quale è stata la risposta ai commenti dei politici che appena appresa la notizia hanno augurato su Facebook a Bersani una pronta guarigione.

E' evidente che se Grillo fa una domanda cosa faresti in auto con la  Boldrinila risposta  da parte dei sui  simpatizzanti è scontato. E' evidente che Salvini parla di un avversario politico da parte dei suoi simpatizzanti arriveranno insulti.
Forse anche i politici devono imparare ad usare meglio Face…

E' giusto che il ministro dell'immigrazione si dimetta se la domestica straniera è irregolare?

Cose che capitano in altre nazioni, dimettersi solo perchè la domestica è irregolare. Ministro dell'immigrazione britannico Mark Happer si dimette perchè la sua domestica di nazionalità straniera era irregolare, lavorava senza il permesso di lavoro. Probabilmente nemmeno lo sapeva. Ma si è dimesso lo stesso, purtroppo fa il politico in Inghilterra, se era in Italia non solo non avrebbe rinunciato all'incarico, perchè qua nessuno è fesso. Ma avrebbe scaricato la colpa su chi fa le indagini...

E' vero che chi trova un amico trova un tesoro?

Perchè si diceva che su Facebook chi trovava un amico, trovava un tesoro?
Su Facebook chi trova un amico trova un tesoro, ma quanto valga questo tesoro non è facile da quantificare. Anzi forse si è puro deprezzato. Dopo il cambio degli algoritmi, che di fatto ha costretto chi utilizzava le pagine Facebook per trarre profitto e non, a investire in pubblicità se si vuole ottenere visibilità, tutto quel circuito di amicizie creato per condividere costruito con tanta fatica, e forse anche un sacco di soldi, vale di meno

Anche l'Ibm?

Secondo i giornali di oggi dopo Electrolux l'altra multinazionale che sta per chiedere grossi sacrifici ai dipendenti è l'Ibm. Che chiede per rimanere in Italia centinaia di esuberi e un taglio degli stipendi.
Se per Electrolux poteva anche starci, stiamo parlando di una azienda che produce lavatrici e risente fortemente della concorrenza asiatica, che si possono fare tranquillamente in Romania,Polonia, Serbia, Slovenia,dove il costo del lavoro e di produzione e molto basso, inoltre stiamo parlando di un settore ormai maturo. L'Ibm è una azienda informatica dove si presume che i dipendenti non siano dei semplici operai ma persone qualificate. Un settore tecnologico dove forse la crisi c'entra poco.

Le olimpiadi invernali di Putin

C'è chi in casa ha costruito un vulcano che veniva usato per intrattenere gli ospiti, tanto reale che una sera arrivarono anche i Vigili del Fuoco . Ma c'è anche chi ha osato di più facendosi le Olimpiadi invernali in casa...

Il web può essere fonte di reddito e di occupazione?

In questo momento di crisi dove non si trova lavoro e le aziende o chiudono, o si trasferiscono all'estero il web può essere il volano per creare occupazione. Ma si deve guardare oltre all'Italia. Senza andare troppo nel complicato come la creazione di una start up per attirare capitali dove in Italia è quasi impossibile crearne una per l'assenza di investitori, e quei pochi che ci riescono devono ritenersi fortunati. Internet può creare opportunità in settori come la creazione di applicazioni per i social network, come ad esempio applicazioni da usare per estrapolare dati che poi serviranno per fare marketing. O la creazioni di giochi per intrattenere gli utenti Creazione di siti web per guadagnare con la pubblicità dove gli investimenti crescono ancora. Creare applicazioni per smartphone, nel mondo forse sono un miliardo dli smartphone, poi ci sono i tablet in numerominore ma in crescita. Creazione di contenuti per i siti internet e portali. Creazione di riviste digit…

No Matteo non accettare la staffetta

In questi giorni si parla sempre più con insistenza di un cambio al vertice del governo, non di un semplice rimpasto o di un Letta Bis. Ma di una staffetta fuori Letta dentro il sindaco di Firenze. Questo è quello che scrive il quotidiano Repubblica, e se lo scrivono loro che sono vicini al Pd forse c'è da credergli.

Ma  quel passaggio di consegne rischia di essere una polpetta avvelenata per Matteo Renzi che una volta dentro rischia di essere silurato nel giro di poco tempo dai franchi tiratori del Pd contrari alla sua politica.

Se rimanendo fuori rischia il logoramento, il consenso ottenuto alle primarie non dura in eterno e siccome in Italia si finisce in fretta nel dimenticatoi ha bisogno di andare il prima possibile al voto. Situazione difficile in questo momento visto la situazione economica del paese e con la riforma elettorale che rischia una brusca frenata.

Diventando premier senza essere stato eletto rischia finirà rottamato nel giro di poco. Visto che in Parlamento non…

Perchè il tuo blog non lo legge nessuno?

E' un paese strano l'Italia ci sono più scrittori di che lettori... Se ti stai chiedendo perchè il tuo blog fa poche visite devi sapere che forse il tempo del blog è finito. Esiste Facebook e Twitter social network molto affollati, la gente ha abbandonato il blog per passare la giornata in quei luoghi virtuali. Sono finiti quei tempi quando bastava inserire un articolo e vederlo scalare la serp di Google, in poco tempo, e fare migliaia di accessi.

Adesso le cose sono un po' diverse, Google ha modificato, e sta continuando a modificare gli algoritmi, portando traffico a siti più autorevoli,dove ci sono centinai di persone che scrivono. Quindi a meno che tu non sia Mark Zuckerberg, sicuramente sai chi è, il tipo che è diventato miliardario con Facebook. O Matt Cutts se non sai chi è devi sapere che è il responsabile del team webspam di Google, e ogni volta che parla è in grado di influenzare il web, difficilmente farai migliaia di visite al giorno.

Non serve nemmeno fare …

Una volta si potevano comprare anche i senatori...

Il Presidente del Senato ha deciso che il Senato si costituirà parte civile nel processo sulla compravendita dei senatori che inizierà l'11 febbraio. Compravendita avvenuta quando al governo c'era Prodi, che forse ha decretato la caduta di quel governo, aprendo la strada alle elezioni anticipate. Tra gli indagati, guarda caso, c'è il Senatore Silvio Berlusconi chiamato in causa da De Gregorio che avrebbe percepito 3milioni di euro per passare dal Pd a Forza Italia .

 La decisione è stata presa dopo che il Consiglio del Senato aveva votato contro la costituzione di parte civile del Senato, apriti cielo, polemiche a non finire sul Presidente Grasso con Forza Italia che prima abbandona l'aula e poi ne chiede le dimissioni, definendolo falso moralista. Anche dopo una battuta di Grasso che si riferiva agli ex senatori, che i forzisti pensavano fosse rivolta a Berlusconi. Grasso moralista non lo sai che una volta si potevano comprare i senatori?

 Si certo è ancora tutto da …

Cosa succede se usciamo dall'euro

Se usciamo dall'euro cosa succede ai nostri risparmi?
Niente perchè da tempo gli italiani hanno smesso di risparmiare, soldi da parte non ne hanno più, nemmeno da spendere. I ricchi, il 10%delle famiglie italiane, che controllano il 45% della ricchezza del paese hanno già sistemato altrove i loro risparmi. Quindi possiamo anche uscire da soli dall'euro, prima che la Merkel ci butti fuori, visto che per loro, i tedeschi, non solo gli italiani sono un popolo che lavora poco, nonostante lavoriamo molto di più dei tedeschi e percepiamo uno stipendio da fame, un popolo di evasori che non paga le tasse, ma anche dei criminali per l'alto livello di corruzione che c'è nel nostro paese.

Facebook non mi avrai mai

Facebook compie dieci anni, il social network che ha reso felici il suo fondatore, le banche e gli azionisti prima dello sbarco in borsa. Fattura dieci miliardi e ha  oltre un miliardo di iscritti. Che ha contagiato anche la vostra nonna, cambiato le nostre vite, si in peggio. Dove su ogni cosa che si vede anche quella più insignificante, come contagiati da un virus, si clicca sul tasto mi piace. Dove si discute di nulla e con un po' di fortuna senza scrivere commenti intelligenti si finisce in tv e sui giornali,e si rischia di diventare potenziali delinquenti. Lo strumento più inutile dalla nascita di internet.

Dove si diventa amici con troppa facilità, grazie alla lista di potenziali amici scelti da Facebook. Più è lunga la lista di amici più ci si sente importanti. E poi dicono che la lunghezza non conta.
Dove la gente pubblica foto della propria vita privata, e tante alte belle cose personali e le condivide con gli amici e Facebook che ci guadagna. E grazie a queste informazi…

Ci vuole altro per creare occupazione

L'Italia non è un paese per produrre lavatrici, per questo tipo di prodotto la concorrenza turca e asiatica è troppo forte, con costi molto più bassi dei nostri. Così come non lo è per tutti quei prodotti che ormai sanno fare tutti.
Non basta tagliare gli stipendi  portandoli ai salari della Polonia o della Turchia, o dare incentivi  per rilanciare il settore degli elettrodomestici, serve altro. Negli anni abbiamo perso posti di lavoro in tutti quei settori proprio dove si producono prodotti che ormai tutti sanno fare.

L'industrializzazione in Italia è iniziata negli anni 80, non è un fenomeno di oggi. Negli ultimi anni si è accentuato per via dell'alta tassazione che ha spunti i gruppi industriali a trasferirsi all'estero, dove manodopera e tasse sono molto più bassi dei nostri. E non sono andati nemmeno tanto lontani, perchè anche all'interno dell'Europa esistono nazioni dove tassazione e salire sono bassi.
Se si vuole creare occupazione sono altri i sentori…

Il populismo da solo rischia di fare danni

Il populismo rischia di fare gli stessi danni che ha fatto la malapolitica e la malagestione della cosa pubblica, in questi venti anni. Ricordate, Berlusconi è entrato in politica cavalcando le proteste di Tangentopoli e di liberare la nazione dal comunismo, abbiamo visto quali sono stati i risultati. L'Italia non è più libera di prima, anzi nella classifica liberà di stampa siamo al 57 posto. Per non parlare delle tasse che non sono scese, della creazione di posti di lavoro, sono riusciti a farci diventare precari e senza pensione. La corruzione è ancora dilagante e siamo messi peggio di prima. Solo a lui e alle sue aziende è andata bene. Certo non è tutta sua la colpa se oggi siamo a un livello così basso, anche delle altre forze politiche che hanno permesso tutto questo. E solo oggi dopo venti anni chiedono di risolvere il problema del conflitto di interessi.

 Altri hanno fatto lo stesso nell'ultima tornata elettorale e sono entrati in Parlamento cavalcando la protesta. E&…

Social network usati in modo sbagliato

Utilizzare Facebook per minacciare i politici e insultare, come ormai fa qualcuno da tempo, è un modo sbagliato per protestare ed usare la rete. Avanti di questo passo e ci rimetteremo tutti, faranno un altra bella legge sul web e addio libertà di espressione su internet in Italia. Colui che da tempo si è autoproclamato lo sceriffo del web è pronto a intervenire e l'Agcom non vede l'ora di uscire con qualche regola che limiti il web in nome della privacy o di qualche altra scusa per intervenire. Altro che la tagliola della Boldrini usata alla Camera per accelerare i tempi per approvare il decreto Imu-Bankitalia. Basterà inserire un commento o un post sul blog con il rischio di beccarsi una denuncia a tempo di record.

Siamo con l'acqua alla gola, storia di una speculazione edilizia

Basta che piove più del dovuto e ci troviamo con strade allagate, e case invase dall'acqua, per troppi anni si è costruito troppo e male. Non abbiamo rispettato il territorio, scelto con saggezza dove costruire. Non si è investito nella tutela del territorio, e oggi ne stiamo pagando le conseguenze.
La colpa è della speculazione edilizia, di chi ha approvato i progetti, realizzato i piani regolatori, e costruito case in zone soggette ad allagamenti, su aree che franano lentamente, o troppo vicino ai fiumi. Ma anche della fame degli italiani di avere una casa. Spinti dalla facilità con cui si poteva ottenere un mutuo, anni fa naturalmente. Che hanno acquistato case senza valutare dove era stata costruita.
Per evitare disagi si è corsi ai ripari costruendo strutture per contenere l'acqua, che evidentemente non fanno il loro lavoro, ma anzi amplificano i danni. I fiumi non vengono più puliti come un tempo, gli argini non fanno più il loro lavoro. E adesso ogni volta che piove…